0

micurodime

Fare anima

Dico fare anima intendendo per "anima" qualcosa di diverso dalla "intelligenza"

0

Percorso

...e trascurano se stessi

agostino confessioni

 

"e vanno gli uomini a contemplare le cime dei monti, i vasti flutti del mare, le ampie correnti dei fiumi, l'immensità dell'oceano, il corso degli astri e trascurano se stessi". 

Nel 1336 Francesco Petrarca con il fratello copie un'escursione, che racconterà poi nella lettera conosciuta col nome: Ascesa al Monte Ventoso. Il momento culminante del suo racconto avviene quando apre, a caso, le pagine di un libro che si portava appresso, per ricevere un'ispirazione ed una spiegazione della loro giornata. Le parole che legge lo lasciano stupito e consapevole che non sono arrivate a caso. Come per miracolo gli è apparsa una rivelazione che dona senso alla giornata e a tutta l' escursione, cominciata solo per soddisfare una curiosità. Le parole ritrovate quasi per caso,  scritte secoli prima da un uomo che per Francesco Petrarca è un vero maestro spirituale, Sant'Agostino, suggeriscono un modo di guardare il mondo che dona ricchezza alla nostra vita: guardare il mondo per guardare noi stessi.

Siamo tanti

 

focusing

 

Scrivevo nell’articolo: Cerco un gesto che Il percorso di integrazione è anche un dialogo tra differenti  parti di noi che utilizza come strumento linguaggi spurii e che ha come fine un incontro tra diversi. Il riconoscimento della presenza dentro di noi di varie parti è antichissimo [Parmenide]  lo troviamo in molte di  quelle religioni in cui si parla di anima: il diavolo tentatore, solo per fare un esempio, cerca di condurci sulla via del male mentre l’angelo custode ci aiuta e ci protegge.

Cerco un gesto

 

Fare anima

Cerco un gesto, un gesto naturale
per essere sicuro che questo corpo è mio
cerco un gesto, un gesto naturale
intero come il nostro Io.

E invece non so niente, sono a pezzi, non so più chi sono
capisco solo che continuamente io mi condiziono
devi essere come un uomo, come un santo, come un dio
per me ci sono sempre i come e non ci sono io.

Per tutte quelle cose buone che non ho ammazzato
chissà nella mia vita quante maschere ho costruito
queste maschere ormai sono una cosa mia
che dolore, che fatica buttarle via.

Una vecchia canzone di Giorgio Gaber (è del 1973, più di 45 anni fa) ci ricorda le difficoltà che abbiamo quando cerchiamo di  conoscerci veramente. Gaber parla di “un gesto naturale intero come i nostro Io” non si propone di  essere in forma, di  vincere, di stare meglio con gli altri, di essere sicuri, di avere certezze, vuole provare ad essere in contatto con il nucleo profondo dell’Io.

Il labirinto della selva

forest 3703447 640

 

In questi giorni sono stato catturato dall’immagine della selva, che mi si è presentata in tanti modi: bosco, selva, foresta.

Fare anima: Keats, Buddha, Hillman e tutti noi

 rosakeatsdettaglioDico fare anima intendendo per "anima" qualcosa di diverso dalla "intelligenza". La lettera di Keats al fratello ci propone un modo diverso di guardarci

Publish the Menu module to "offcanvas" position. Here you can publish other modules as well.
Learn More.